HOME

“Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare, tre concetti che riassumono l’arte della fotografia.”
(Helmut Newton)

INTRODUZIONE

Un team affiatato, unito dalla passione smisurata per tutto ciò che è fotografia; BrWeddingPh -nome che sta per Bassa Romagna Wedding Photography- è un progetto nuovo, nato nel 2019, che mira alla realizzazione di un prodotto unico nel suo genere in termini di qualità e all’instaurazione di un rapporto di fiducia con la clientela.Spesso e volentieri fungiamo da perno all’interno della coppia, da vera e propria spalla, sempre pronti ad aiutare gli sposi con l’organizzazione delle fasi del matrimonio e a risolvere i tanti dubbi che affiorano in ogni momento. BrWeddingPh, inoltre, è l’azienda giusta per quelle persone che desiderano un servizio fotografico naturale, ben lungi dalle classiche foto in posa, dove le emozioni sono al primo posto e la spontaneità regna sovrana.

…TROVATE I NOSTRI SCATTI NELLA SEZIONE PORTFOLIO

…NEL FRATTEMPO VI LASCIAMO A QUALCHE NOSTRO SCATTO EFETTUATO DURANTE I VIAGGI…

La Rocca di monte Battaglia, eretta sull’altura (715 m s.l.m.), risale ll’epoca longobarda e fa parte della linea difensiva lungo il crinale tra il Senio e il Santerno, ai confini tra i territori occupati da questo popolo e quelli ancora in possesso dell’esarcato bizantino. La posizione del monte Battaglia ha in seguito continuato a rappresentare il punto focale delle sistemazioni militari poste a controllo e difesa delle valli dei due fiumi e della pianura tra Imola e Faenza.

Le grotte di Frasassi sono delle grotte carsiche sotterranee che si trovano nel territorio del comune di Genga, in provincia di Ancona. Il complesso delle grotte ricade all’interno del Parco naturale regionale della Gola della Rossa e di Frasassi. Il complesso è formato da una enorme serie di ambienti sotterranei di cui il primo, visitabile con facilità dal pubblico è l’Abisso Ancona, una enorme cavità che ha un’estensione di 180 x 120 m e un’altezza di 200 m; è talmente ampia (oltre due milioni di m³ di volume) che al suo interno potrebbe essere contenuto senza problemi il Duomo di Milano.

La città di Venezia è stata per 1100 anni la capitale della Serenissima Repubblica di Venezia ed è conosciuta a questo riguardo come la Serenissimala Dominante e la Regina dell’Adriatico: per le peculiarità urbanistiche e per il suo patrimonio artistico, è universalmente considerata una tra le più belle città del mondo, dichiarata, assieme alla sua lagunapatrimonio dell’umanità dall’UNESCO, che ha contribuito a farne la seconda città italiana dopo Roma con il più alto flusso turistico.

La città di Trieste, capoluogo della regione italiana a statuto speciale Friuli-Venezia Giulia, rappresenta da secoli un ponte tra l’Europa occidentale e quella centro-meridionale, mescolando caratteri mediterraneimitteleuropei e slavi ed è il comune più popoloso e densamente popolato della regione, con il porto di Trieste che nel 2016 è stato il porto italiano con più traffico merci ed uno dei più importanti nel sud Europa[

Braies è un comune italiano di 654 abitanti della provincia autonoma di Bolzano, in Trentino Alto-Adige , situato in Val Pusteria. La valle di Braies, come molte valli di confine, è stata oggetto di fortificazioni durante il periodo fascista. Queste opere fortificate fanno parte del Vallo Alpino in Alto Adige e precisamente dello sbarramento di Braies.

Vienna è la capitale e allo stesso tempo uno dei nove stati federali dell’Austria, completamente circondato dalla Bassa Austria, è il settimo comune per abitanti dell’Unione europea. La città, che ha vari esempi d’architettura barocca e può essere indicata come culla dello stile Jugendstil, è rappresentata per oltre la metà da spazi verdi tra parchi, giardini e boschi, che diventano luoghi di svago e di aggregazione sociale. Dopo le gravissime distruzioni subite durante la seconda guerra mondiale, il suo patrimonio edilizio e monumentale è stato degnamente ricostruito e potenziato.

Praga è la capitale e la più grande città della Repubblica Ceca. Centro politico e culturale della Boemia e dello Stato ceco per oltre 1.100 anni, tra il XIV e il XV secolo fu anche capitale del Sacro Romano Impero. Tra i suoi soprannomi vanno ricordati “La madre delle città”, “Città delle cento torri” e “Città d’oro”. Capitale della Cecoslovacchia dal 1918 al 1939 e dal 1945 al 1992, Praga è un centro culturale e turistico di fama mondiale. Situata sul fiume Moldava, conta approssimativamente 1,3 milioni di abitanti. Il suo centro storico è stato incluso nel 1992 nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Varsavia è la capitale della Polonia, situata nella parte centro-orientale del Paese, sul fiume Vistola. La storia della città risale alla fine del XIII secolo. A quel tempo era una piccola città di pescatori. Una volta descritta come la “Parigi del Nord”, Varsavia fu considerata una delle città più belle del mondo fino alla Seconda Guerra Mondiale. Bombardata all’inizio dell’invasione tedesca nel 1939, la città resistette. Le deportazioni della popolazione ebraica nei campi di concentramento portarono alla Rivolta del ghetto di Varsavia nel 1943 e alla distruzione del ghetto dopo un mese di combattimenti. Varsavia ha acquisito il nuovo titolo di “città fenice” a causa della sua lunga storia e ricostruzione dopo la seconda guerra mondiale, che aveva lasciato in rovina più dell’85% degli edifici.

La città di Firenze  è il capoluogo della Toscana e centro della città metropolitana; cuore dell’area metropolitana di Firenze-Prato-Pistoia. Importante centro universitario e patrimonio dell’umanità UNESCO dal 1982, è considerata luogo d’origine del Rinascimento. È universalmente riconosciuta come una delle culle dell’arte e dell’architettura, nonché rinomata tra le più belle città del mondo, grazie ai suoi numerosi monumenti e musei tra cui il DuomoSanta CroceSanta Maria Novella, gli UffiziPonte VecchioPiazza della SignoriaPalazzo Vecchio e Palazzo Pitti. La ricchezza del patrimonio storico-artistico, scientifico, naturalistico e paesaggistico rendono il centro e le colline circostanti un vero e proprio “museo diffuso”.

Il Ponte della Fola di origini romaniche, probabilmente costruito nel tardo medioevo. Enormi erano le difficoltà nell’attraversare i corsi d’acqua, in particolare perché privi di sbarramenti, tanto che i guadi erano vegliati da edicole sacre e croci. Suggestivo per la struttura ad arcate asimmetriche e a forma di schiena d’asino, mostra alcune interessanti analogie con il ponte toscano di Borgo a Mozzano e con quello delle Lazze, forse una testimonianza della breve dominazione lucchese nell’Alto. Ha la particolarità di essere l’unico esempio noto di ponte di pietra a due arcate in tutta l’Emilia. Ulteriormente rimarchevole se si pensa che la costruzione di ponti in pietra, molto costosa, richiedeva maestranze specializzate, e per questo vi si dava corso soltanto su precisa volontà delle comunità interessate e dei governanti.

I tre castelli di Bellinzona, una delle principali attrazioni del Ticino, sono unici nella regione alpina e dal 2000 fanno parte del patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO. Oggi principale attrazione della città, in passato i castelli medievali di Bellinzona Castelgrande, Montebello e Sasso Corbaro e la Murata costituivano un eccezionale sistema fortificato proteggendo interamente la città e chiudendo la valle del fiume Ticino. La prima citazione dell’esistenza del complesso del quale sono conservate numerose vestigia, risale all’anno 590, ma già per gli antichi romani Bellinzona era considerata un’importante linea di difesa.